Giovedì 21 Marzo 2019

Vigevano: marocchino fugge di corsa dopo l'alt dei carabinieri. Doveva essere ai domiciliari per traffico di droga

Nel pomeriggio di ieri 3 gennaio, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Vigevano, col supporto della Stazione di Gambolò, hanno tratto in arresto in flagranza per il reato di evasione e false dichiarazioni a Pubblico Ufficiale,  E.T., pregiudicato marocchino 27enne, residente a Castellanza (VA),
I militari, impegnati in un ordinario servizio di pattugliamento del territorio tra Parona (PV) e Vigevano, hanno incrociato un veicolo con quattro persone a bordo dall’atteggiamento sospetto. Subito dopo aver intimato l’alt per procedere ai controlli di rito, da una delle portiere è sceso palesemente agitato il giovane il quale si è dato alla fuga, venendo però immediatamente bloccato dai Carabinieri della Stazione di Gambolò, intervenuti in supporto ai colleghi, mentre l’equipaggio della Radiomobile aveva bloccato gli altri occupanti del veicolo e procedendo al loro controllo.
I 4 soggetti, accompagnati in caserma, venivano controllati alle Banche Dati delle Forze di Polizia, appurando che il giovane che aveva tentato la fuga e, che nel frattempo aveva fornito pure una falsa identità, era in realtà un pregiudicato agli arresti domiciliari per reati inerenti il traffico di sostanze stupefacenti, che veniva di conseguenza tratto in arresto e trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma di Vigevano in attesa dell’odierno rito per direttissima a Pavia.
I restanti tre individui, due italiani di 35 e 29 anni dell’Alessandrino ed un cittadino marocchino 40enne, tutti pregiudicati, venivano a loro denunciati in stato di libertà per il reato di favoreggiamento.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata