Lunedì 29 Novembre 2021

Valle: canale irriguo usato come discarica. La nuova frontiera dei “globe trotter” dell’immondizia

La roggia è stata per settimane invasa dall’immondizia, prima dell’intervento di alcuni volontari. 
L’inciviltà va avanti da anni, anche dopo l’introduzione della raccolta differenziata, anche per colpa di sporcaccioni che arrivano dai paesi vicini. La protesta di molti vallesi dilaga su Facebook,  molti residenti chiedono le fototrappole e maggiori controlli mentre altri… puliscono, pur non essendo obbligati a farlo. 
Il luogo preferito dai “pirati del rudo” è la roggia in via cascina Prati, lunga svariati chilometri e dunque difficile da controllare. Non è troppo distante dal monumento ai caduti. Le foto sono eloquenti: rifiuti di ogni tipo come seggiolini per i bambini, lamiere, borse della spesa sono rimasti per lungo tempo a pelo d’acqua. 
Il canale è gestito dal consorzio “Roggia di Valle”, ma in questo gioco “a chi arriva prima” a volte sembrano essere in vantaggio gli incivili nonostante la buona volontà. Il Consorzio deve solo provvedere a falciare l’erba dell’alveo e delle sponde, il resto sarebbe demandato alla coscienza delle persone. 
“La rimozione di tutte quelle brutture – dichiara il segretario del Consorzio, Flavio Zuccotti – non ci competerebbe. Però in nome del decoro e del senso di  civiltà, abbiamo provveduto con i nostri dipendenti a liberare le chiuse dalle ostruzioni provocate dai vandali”. 
L’immondizia ostruiva anche la porta di chiusa del canale, presso una zona abitata. La roggia fu realizzata dai vallesi secoli fa.  
“Queste persone – è il commento di alcuni residenti – andrebbero multate in modo salato. Solo toccando le loro tasche si può farli ragionare. L’ambiente è di tutti, conservarlo pulito è un dovere. Spesso a Valle, come altrove, si preferisce la via più breve per liberarsi dei rifiuti. Forse solo delle fototrappole potrebbero risolvere il problema, o forse un sonoro scappellotto. Confidiamo in un controllo maggiore”. 

Davide Maniaci © Riproduzione riservata