Giovedì 22 Agosto 2019

Una lunga domenica all’insegna della storicità

Al centro di tutto c’è ovviamente il Palio, ma il programma di domenica riserva molte sorprese. Tutte iniziative messe in campo dal Magistrato delle Contrade per rompere la “monotonia” legata alla tradizione settembrina mortarese.

Il sipario sulla prima edizione del “Palio di primavera” si alzerà alle 9, quando in piazza Carlo Alberto prenderanno vita gli accampamenti militari. Alla stessa ora, ma in piazza Vittorio Emanuele  II nei giardini davanti a palazzo Cambieri, si animeranno i mercatini storici.

Alle 9 e 30, nella lizza realizzata davanti al teatro, inizieranno i combattimenti del primo trofeo “Città di Mortara” legato al torneo nazionale “Hema in Armis 2019” di scherma storica. 

Alle 10 le delegazioni delle Contrade si troveranno in piazza del Municipio, dove saranno raggiunte da Ludovico il Moro e Beatrice d’Este: da qui, accompagnate dagli sbandieratori, raggiungeranno l’abbazia di Santa Croce dove parteciperanno alla Santa Messa. Al termine del solenne rito religioso, che si concluderà con la benedizione con la reliquia del Sacro Legno, si svolgerà l’esibizione degli sbandieratori. 

Alle 15 la città sarà attraversata dai Corteo storico: la passeggiata storica si snoderà per le strade cittadine attraverso l’itinerario del tradizionale corteo di settembre e andrà a concludersi in piazza del teatro. Proprio qui, verosimilmente alle 16 e 30 circa, prenderà il via la prima edizione del Palio della Santa Croce. 

Per tutta la giornata, in piazza Monsignor Luigi Dughera, sarà attiva un’area bimbi curata dagli esperti animatori di Nami. Il programma, ovviamente, potrebbe subire variazioni in caso di maltempo.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata