Martedì 12 Novembre 2019

Un concerto jazz ricorderà Carlo Mussio

Era il più volonteroso dei volontari, tanto da essere simultaneamente impegnato in diverse realtà del volontariato locale. Dai Nocv alla Pro loco, trovando anche il tempo per curare il parco Martinoli e la Lea longa, dall’Associazione nazionale Carabinieri alla 3A. E proprio quest’ultima associazione ha deciso di ricordarlo con un concerto di musica jazz. Tante divise e tanto entusiasmo, sempre accompagnato da un  sorriso: era questo il biglietto da visita di Carlo Mussio. Sabato prossimo, 16 febbraio, alle 16, l’auditorium di viale Dante ospiterà il “Carlo’s swing quartet”, un gruppo musicale formato da Niccolò Cattaneo al pianoforte, Roberto Piccolo al contrabbasso, Massimo Pintori alla batteria e Alfredo Ferrario al clarinetto. Il ritmo dondolante dello swing, che ha visto le sue massime espressioni in Duke Ellington, Benny Goodman e Glen Miller, ricorderà Carlo Mussio a due settimane dalla sua improvvisa scomparsa. Se ne è andato in punta di piedi, quasi come se avesse paura di disturbare, nelle prima mattina di venerdì 1 febbraio. Stroncato da un malore. Sempre molto attivo, dalla battuta pronta, Mussio aveva saputo farsi volere bene in città negli ultimi anni mettendosi a disposizione dei mortaresi come volontario. In sella alla sua inseparabile bicicletta setacciava la città, soprattutto le aree verdi alle quali era molto affezionato, diventando anche l’occhio vigile dei... vigili e di AsMortara. E proprio in AsMortara aveva trovato posto, per alcuni mesi, nel consiglio di amministrazione: la nomina era avvenuta in seguito alle elezioni comunali che lo videro tra i protagonisti. Carlo Mussio fu il più votato della lista ViviAmo Mortara che corse in tandem con la Lega a sostegno di Marco Facchinotti: non entrò in consiglio comunale e venne indicato come membro del cda dell’azienda. Al termine del concerto di sabato prossimo si terrà un rinfresco offerto dal Museo di arte e tradizione contadina di Olevano. Eventuali offerte saranno devolute alla 3A.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata