Domenica 07 Giugno 2020

Truffava gli anziani, beccato dai Carabinieri

Il trucco era quello collaudato del finto tecnico dell'acquedotto. Nel mirino, ovviamente, le persone anziane: in questo caso il tecnico fasullo aveva colpito a Mezzana Bigli. Il colpo è stato messo a segno lo scorso 5 febbraio: dopo aver bussato alla porta di una anziana signora era riuscito a svignarsela con alcuni preziosi. Al termine di una accurata attività investigativa, gli uomini della stazione di Pieve del Cairo, supportati dal nucleo radiomobile di Voghera, hanno finalmente dato un nome e un cognome al malvivente. Si tratta di un uomo, 32enne, residente nella provincia di Palermo con alle spalle precedenti per reati simili. L’uomo era già finito nel mirino dei controlli lo scorso 28 gennaio. Assieme a lui erano stati intercettati altri due individui con precedenti penali per truffe sempre finalizzate a colpire persone anziane: i malviventi sono finiti nella rete dei Carabinieri della Compagnia di Voghera, impegnati in una fitta rete di controlli del territorio messi in atto proprio per prevenire le truffe. Nei loro confronti, infatti, era stata eseguita una minuziosa perquisizione a seguito della quale erano stati rinvenuti dispositivi per il rilevamento di fughe di gas, alcuni tesserini e dei giubbotti blu, del tutto simili a quelli usati da coloro che commettono quel tipo di reati. Tali elementi, però, non erano sufficienti a supportare un provvedimento restrittivo nei confronti degli stessi. Tuttavia, attesi i loro precedenti specifici, sono stati inseriti in un data base fotografico predisposto dai militari vogheresi e messo a disposizione di tutti i reparti dipendenti, il cui esame è risultato fondamentale per l’identificazione dell'autore del reato di Mezzana Bigli. Gli investigatori non escludono che l'indagato possa aver commesso altri furti ai danni di vittime vulnerabili in zona, ragion per cui le indagini sono ancora in corso.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata