Giovedì 12 Dicembre 2019

Troppi supermarket? Santagostino si chiama fuori

Mentre infuria la polemica sull’opportunità di un nuovo supermercato a Garlasco, ecco che forse partiranno i lavori all’ex Maluez per l’apertura di un supermercato della catena tedesca Lidl, mentre invece resta per il momento al palo l’altra operazione commerciale, quella riguardante l’area adiacente all’hotel “I Diamanti” che avrebbe dovuto vedere l’apertura di un Eurospin. 

Qualora tutte le operazioni dovessero andare in porto, Garlasco si troverebbe con due supermercati in più rispetto ai già presenti Famila e Carrefour. 

Questo ha messo sul piede di guerra l’opposizione, in particolare il Movimento 5 Stelle che vede l’apertura di nuovi centri commerciali non solo come la morte del commercio al dettaglio, ma anche come la riduzione del centro garlaschese, nonostante tutto ancora uno fra i più vivaci della Lomellina, ad una ghost town da Far West.

Ma se il progetto Lidl è pronto a partire, che fine ha fatto quello Eurospin? E’ stato definitivamente archiviato?

Non esattamente. Le trattative sono ad un punto morto, ma non chiuso: ovvero resta aperto il canale tra Eurospin e Garlasco.

“Comunque sono operazioni tra privati - precisa subito Francesco Santagostino (nella foto), assessore all’Urbanistica - non è il Comune a fare supermercati, limitandosi, col nuovo Pgt, a mutare da residenziale a commerciale l’area su cui dovrebbe sorgere il nuovo Eurospin. L’area ex Maluez era già commerciale da trent’anni e noi ci siamo limitati a prendere atto dell’autorizzazione da parte della Provincia e dell’accordo tra privati. Il Comune chiede gli oneri primari e secondari di urbanizzazione, oneri di costruzione e le compensazioni sociali”.

Andrea Sartori © Riproduzione riservata