Venerdì 03 Luglio 2020

Troppi cinghiali, incidenti e proteste degli agricoltori

  • Mede
  • 29 Maggio 2019

I cinghiali  sono fuori controllo persino tra le risaie, e agricoltori e cacciatori se la prendono con la Provincia, per le solite pastoie burocratiche.Soprattutto dopo che all’assemblea prevista per la serata di lunedì scorso non si è presentato Vittorio Poma, il presidente provinciale, senza dare le risposte tanto cercate. I suini selvatici, il cui numero cresce in modo esponenziale, invadono i campi di mais e anche le risaie. 

Il danno economico è rilevante, oltre alla pericolosità di trovarseli di notte lungo le strade provinciali, dove gli incidenti sono ormai all’ordine del giorno. 

“Molti danno la colpa alla Regione – chiariscono i rappresentanti di Federcaccia – ma da Milano e da Utr Pavia hanno fatto tutto il possibile, compresi una legge e un decreto, da qualche mese, che dà il via agli abbattimenti. Inoltre c’è l’imposizione di pagare 1 euro al chilo per ogni cinghiale abbattuto da parte del macello a cui arrivano le carcasse. Il problema è farla rispettare. Noi non sappiamo, ad esempio, quando la Provincia organizza le sue battute di caccia. Forse ce n’è stata una giovedì, ma non siamo stati avvisati.  Gli abbattimenti controllati vanno benissimo, ma se coordinati permetterebbero di fare un conteggio dei capi e di essere sicuri di ricevere il denaro, che viene poi usato per pagare i danni causati ai campi”. Ma questi soldi non sono comunque sufficienti a coprire la devastazione quasi quotidiana. 

“Sempre più spesso i danni non vengono nemmeno denunciati – aggiunge il Presidente di Coldiretti Pavia, Stefano Greppi – perché i risarcimenti, se e quando arrivano, non coprono nemmeno lontanamente i costi del mancato raccolto. Inoltre in questo periodo le aziende agricole sono alle prese con la primavera anomala che ha ritardato le semine. Se le richieste di danni rimangono impastoiate nella burocrazia, il rischio è che non si riesca nemmeno a riseminare in tempo utile i campi”.

(Foto da Notizia Oggi)

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata