Mercoledì 07 Dicembre 2022

Tromello, parola d’ordine “la piscina non chiude”. Il Comune farà i lavori: costo 50mila euro l’anno

La piscina comunale è un fiore all’occhiello del paese e se non trova un compratore sarà il Comune a fare le opere necessarie per ripararla, un pezzo alla volta, con alcuni interventi parziali ad ogni primavera,
La spesa stimata è di circa 50mila euro all’anno, 250mila totali. Una manutenzione straordinaria poderosa per le casse di un Comune come Tromello. 
“Ma la piscina – spiega il sindaco Maurizio Poma – è un patrimonio di tutti e la priorità è di tenerla aperta. Noi continuiamo a insistere con la messa in vendita, ma è difficile: il contratto d’affitto coi gestori, il Centro Sportivo Corsico, scade nel 2026. Inoltre l’acquirente sarebbe obbligato ad accollarsi anche le varie riparazioni. Di questi tempi non è facile trovare gente interessata e imbastire una trattativa, si parla di quasi mezzo milione di spesa totale”. 
E intanto ci deve pensare il Comune. Appena prima dell’apertura estiva di quest’anno è terminato il primo dei due step di interventi alla sala macchine con la sostituzione dei filtri che alimentano la vasca per i bambini. Il prossimo anno invece toccherà ai filtri della vasca grande e i lavori, massicci, potrebbero anche essere divisi in due per motivi di lunghezza e di spesa. Proprio la sala macchine, giunta al capolinea dopo più di due decenni di onorato servizio, era il settore che preoccupava di più. Lo scorso anno era stata invece sistemata la zona docce. 
“Bisogna tenere conto – continua il sindaco – che i soldi che spendiamo per la piscina, 75mila euro, mandano il servizio in rosso, dato che le entrate ammontano a 50mila euro. E che quindi posso intervenire in modo molto meno efficace su altri ambiti ben più importanti, come la viabilità e la sicurezza. Io ritengo che vendere la piscina sia l’unica soluzione, intanto faccio il mio dovere garantendo lavori più urgenti e il funzionamento della struttura”. 
Il mutuo per costruire la piscina è stato aperto dal Comune nel 1993, ma è ancora sul groppone dell’attuale amministrazione e lo sarà delle prossime. Le continue rinegoziazioni hanno spostato il termine al 2040, e bisogna ancora pagare più di 560mila euro, sui 700 totali.Intanto verrà sistemato anche il parquet della palestra delle scuole medie. 
Sotto un canestro una perdita d’acqua ha danneggiato il pavimento e si interverrà prima della ripresa delle lezioni. Il costo dei lavori sarà di 32mila euro. 

Davide Maniaci © Riproduzione riservata