Venerdì 18 Ottobre 2019

Trasporti in Lomellina: solo le polemiche sono in orario

La protesta del sindaco di Dorno: “Vogliamo un tavolo di confronto”

Il nuovo crocevia degli autobus della Lomellina orientale sarà piazza della Vittoria a Garlasco, un “hub” che convoglierà tutte le linee secondarie. Da qui ci si potrà dirigere a Milano o a Pavia, dopo il futuro cambio degli orari e del nome dei tragitti da parte del nuovo gestore previsto la prossima settimana. Ma questo sistema, così come il nuovo piano orari inviato il 18 gennaio ai vari Comuni, non piace a tutti.

Il Comune di Dorno già nello scorso giugno si era fatto rappresentante di tutti i paesi interessati al cambiamento degli orari, creando un “Comitato pendolari della Lomellina” con tanto di sportello presso il municipio. 

Adesso ha inviato una lettera alla Provincia e all’Assessorato ai trasporti regionale e chiede un nuovo tavolo di incontro da convocare al più presto. 

“La valutazione andava fatta entro lunedì 28 – si legge nella missiva, firmata dal primo cittadino Mariarosa Chiesa (nella foto) – ed il tempo era troppo poco. Le corse che arrivano da Pieve del Cairo risultano insufficienti in relazione a quelle principali che partiranno da Garlasco. Inoltre dai quadri orari non sono puntualmente evidenziate le coincidenze fra le corse secondarie e quelle principali, con possibili prolungate soste a terra dei passeggeri”. 

Inoltre sulle nuove linee Pv901 Mortara - Dorno - Pavia e Pv912 Ascendente Garlasco - Dorno - Pavia, l’unica fermata prevista in paese sembra essere quella “Conte Bonacossa - Canevari”, in prossimità della rotonda. Una scelta che, secondo l’amministrazione comunale, è infelice e soprattutto pericolosa. 

“Quella zona – continua Mariarosa Chiesa – presenta evidenti difficoltà di manovra ed è molto decentrata, pertanto difficilmente raggiungibile dagli utenti. Chiediamo l’inserimento della fermata “Bonacossa - Carboni” e, se possibile, anche della “Cairoli - Rossi”. 

Inoltre per quelli del Comitato pendolari di Dorno, nonché per molti viaggiatori, piazza della Vittoria a Garlasco non è certo un punto di scalo adeguato, sia perché è anche un’area di parcheggio e di transito veicolare, sia perché non ha ripari adeguati in caso di maltempo. 

“Infine – conclude il sindaco di Dorno – non abbiamo ancora potuto verificare se il nuovo quadro orari è sufficiente per superare i noti problemi di sovraffollamento di alcune corse verso Milano e Pavia, usate rispettivamente da lavoratori e studenti. Molte corse da Pieve del Cairo arrivano a Garlasco già complete. Per questo chiediamo che proseguano direttamente, senza fermarsi nel “punto di raccordo”. In generale la richiesta è quella di migliorare il servizio: la Lomellina fin’ora è stata troppo penalizzata dalla scarsa efficienza del trasporto pubblico”. 

Viene chiesto, da Mariarosa Chiesa, un’altra riunione aperta anche ai Comuni interessati e ai rappresentanti dei pendolari e, soprattutto, che i nuovi orari non entrino in vigore prima di aver ottenuto tutti i chiarimenti necessari.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata