Mercoledì 12 Agosto 2020

Sartirana: il giornalista (e storico) Davide Maniaci domani sera racconta storia e segreti delle ricette

La cucina si evolve e si evolverà sempre, e sono state proprio le migrazioni dei popoli a rendere le ricette più famose nel modo in cui le conosciamo. Una storia di alimenti e di piatti trattata con taglio divulgativo e informale venerdì sera, alla villa Buzzoni Nigra di Sartirana. Nell’evento organizzato alle 21 e 15 dall’Accademia San Pietro, nelle sale di via Duca d’Aosta, parlerà Davide Maniaci (nella foto) giornalista pubblicista e laureato magistrale in storia. La serata, dal titolo “La cultura alimentare nel corso della storia” sarà presentata dal professor Gianluca Chiesa, insegnante di lettere. 

“La pizza, vanto dell’Italia nel mondo – anticipa il relatore – forse non è nata a Napoli ed è preparata con un ingrediente (il pomodoro) che fino a 600 anni fa in Europa non esisteva, così come la polenta e le patatine fritte.  ”Hamburger” è una parola tedesca, il ketchup è una salsa di Hong Kong, la carbonara l’hanno inventata gli americani, la cotoletta i francesi, il piatto nazionale britannico è un pollo al curry e fino a 120 anni fa non esisteva nessuna ricetta codificata per il risotto”.  

La cucina, come verrà spiegato durante la conferenza, non è un codice immutabile di formule millenarie, ma continua e continuerà sempre ad evolversi. E soprattutto il concetto di “fusion” non è soltanto il pretesto che usano alcuni ristoranti alla moda per raddoppiare il conto, ma la base che nel corso dei millenni ha permesso alla cucina delle varie nazioni di diventare così riconoscibile e di avere ricette così diverse fra di loro. La storia del cibo ha sempre viaggiato e viaggia con gli uomini, con lo scambio di ingredienti, di preparazioni, di idee, anche a costo di metterci trecento anni per essere accettata. 

“Il pomodoro veniva considerato velenoso – conclude Davide Maniaci – ed era usato come pianta ornamentale, la patata fu considerata in Italia soltanto nell’800, dopo l’eruzione di un vulcano in Indonesia. Quello che mangiamo adesso non è quello che mangeremo tra 50 anni, né ciò di cui si nutrivano i nostri nonni. Nulla ai fornelli è scontato, ed il sushi nacque in Corea. Ma le curiosità sono infinite, almeno quanto i modi di mangiare dei 7 miliardi di abitanti del mondo”. L’incontro sarà ad ingresso libero.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata