Sabato 26 Settembre 2020

Sant’Angelo: scarrabile sparito, rifiuti abbandonati. Zone porta il caso (e non solo) in consiglio comunale

Lo scarrabile c’è. Anzi no. La minoranza di Vivi Sant’Angelo scende in campo contro un episodio che in paese ha fatto scalpore. E che diventerà una interpellanza a firma dell’ex sindaco Romeo Zone. 
Nei giorni previsti da tempo (il 13 e 14 ottobre) molto abitanti del paese si erano mobilitati per portare i rifiuti ingombranti all’interno dell’area preposta, dove doveva esserci lo scarrabile che deve contenerli. Ma il cassone non era presente ed i cittadini hanno dovuto depositare i rifiuti nell’area. “Dopo diversi giorni  - incalza Romeo Zone - il materiale non era ancora stato rimosso. Già lo scorso mese di agosto il cassone scarrabile non era stato  consegnato nei tempi previsti ed i cittadini avevano dovuto depositare a terra i rifiuti. L’amministrazione comunale ha chiamato le giornate di raccolta come “Giornate Ecologiche”: a noi sembra che di ecologico ci sia ben poco…”. Il servizio di raccolta degli ingombranti a Sant’Angelo viene fornito solo ogni due mesi ed è comprensibile l’attesa da parte di chi vuole rispettare l’ambiente e liberarsi dei rifiuti ingombranti nel posto giusto. “E’ pure un servizio fatto in modo pessimo – critica ancora Zone – e per questo chiediamo che l’amministrazione comunale si attivi subito con i concessionari del servizio per risolvere il problema”.
Oltre a quella sullo scarrabile, Vivi Sant’Angelo presenterà in consiglio altre interpellanze per chiedere risposte sull’utilizzo dei locali dell’ex scuola primaria, che è stata chiusa da questa amministrazione, sulla gestione del servizio della casa dell’acqua e sulle convenzioni stipulate all’amministrazione comunale.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata