Lunedì 06 Aprile 2020

Rompe il braccio al negoziante cinese per un banale litigio sulla riparazione del cellulare. Denunciata una coppia


GARLASCO – Botte multietniche per un cellulare da aggiustare. Anche questa è la società multirazziale con cui la placida Lomellina deve fare i conti. O meglio con cui devono fare i conti io carabinieri, impegnati a cercare di arginare la criminalità globalizzata. A Garlasco una bella coppia di picchiatori ultra quarantenni, con lui albanese e lei italiana, sono andati in un negozio di telefonia di proprietà di un cinese 60enne. Chissà perché i due si erano portati un bastone nascosto in uno zaino. Ma ecco la risposta: dopo una breve discussione l'energumeno albanese ha preso il bastone è ha spaccato il braccio sinistro del cinese, con il quale l'uomo cercava di ripararsi dalle “sprangate”. Per il cinese un mese di prognosi e per i carabinieri una attenta, mirata e stringete attività di indagine che ha portato alla denuncia dei due picchiatori.


Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata