Martedì 25 Gennaio 2022

Robbio: foto shock di Cerutti “Ecco il dopo Clir del sindaco”

ROBBIO - “Trasformare Robbio in una discarica a cielo aperto (con topi) cambiando azienda per la raccolta rifiuti: deve essere questa la nuova mossa del sindaco uscente Roberto Francese in vista delle elezioni”: lo dice Gianni Cerutti blogger robbiese della Puntura e candidato sindaco alle prossime comunali. 

“Ho scattato e ho ricevuto  foto  - spiega Cerutti - con cassonetti stracolmi, alcuni dei quali in pieno centro storico e davanti all’ingresso della casa di riposo Fagnani pieni di pannoloni, perché la nuova azienda che raccoglie l’immondizia passa meno volte rispetto a quando c’era il Clir e, ad esempio ad un supermercato, ha dato cassonetti più piccoli. E li riempiono finché ce ne sta poi è chiaro che non possono tenerseli dentro i sacchi d’immondizia. Stesso discorso vale per la casa di riposo Fagnani, che non ha colpe, in via Ospedale, pieno centro storico. Mi chiedo se questa azienda scelta ha le capacità per portare via l’immondizia e per evitare questo degrado o no? Perché è stata scelta? Perché i disagi riguardano anche la raccolta del verde. Qui la nuova azienda, a detta del sindaco, passa una volta al mese a raccogliere il verde e gli sfalci e l’ultima volta diversa gente si è riportata gli sfalci in casa perché alle 6 di sera nessuno era passato. E nessuno ha dato contenitori per il verde”.

Ma quello che preoccupa davvero è che secondo Cerutti il sindaco avrebbe detto di mettere il verde nel contenitore di carta o vetro. “Scusa sindaco – incalza Cerutti - ma se l’erba la buttiamo nel contenitore di vetro e carta, poi il vetro e la carta la buttiamo per strada? Ma ci pensano alle sciocchezze che ci dicono o no? E inventare un allarme sanitario per fargli portar via i cassonetti del verde al Clir a gennaio con temperature vicine allo zero è una mossa divertente ed esilarante. Scusate ma che allarme sanitario c’è a gennaio per del verde dentro ad un cassone a meno quattro sotto zero? Almeno inventino scuse migliori e più credibili”. 

E poi, infine, c’è il problema discarica-area ecologica. Prima a Robbio potevano andare a buttare i loro materiali anche le aziende. Ora le aziende non ci possono più andare. 

“Risultato?  - termina Cerutti - Hanno creato un ulteriore danno economico alle nostre aziende robbiesi, sopratutto a quelle piccole. Perché anche loro devono noleggiare dei cassoni e pagare per lo smaltimento, oltre alla tassa immondizia; insomma meno soldi in cassa e più disagi grazie alla scelta di questa maggioranza”. E secondo Cerutti una soluzione c’è: cambiare sindaco.


Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata