Giovedì 12 Dicembre 2019

Robbio: asilo nido privatizzato? Lo scoop di Cerutti

La giunta Francese vuole privatizzare l’asilo nido. Una struttura che è da quarant’anni comunale, ma che il sindaco uscente nel 2019 vorrebbe affidare ad una cooperativa privata, già a partire da fine luglio. In atto ci sarebbe l’indagine esplorativa per cercare un possibile gestore, che durerà fino al 6 luglio, mentre dal 6 luglio a fine luglio probabilmente ci sarà la gara.
Una notizia lanciata in esclusiva, come spessissimo accade a Robbio, dalla Puntura Robbiese di Gianni Cerutti.
Intanto, in attesa di sviluppi, nell’asilo manca dalla scorsa settimana la coordinatrice, che è stata spostata in comune. 
“Però - commenta Gianni Cerutti - l’asilo in questo periodo rimane aperto e né i genitori e neppure i dipendenti sanno bene cosa fare. Inoltre nel bando la giunta, e più nello specifico l’assessore ai servizi sociali e vice sindaco Stefania Cesa, non ha messo come vincolo un tetto massimo per le tariffe pagate dai genitori. Quella è una struttura comunale da 40 anni circa. Mi chiedo quale sia il vero obiettivo di questa operazione guidata dall’assessore Cesa. Hanno speso troppo o hanno fatto troppi debiti e non ci stanno più dentro con i conti? E poi perché il contratto è solo di un anno nel bando? In un anno un’azienda privata in quella struttura ha solo e soltanto delle perdite a livello economico. E poi perché nel bando non si dice chiaramente che l’asilo è un debito di circa 150 mila euro all’anno per le aziende private che vi subentreranno?”. Un bilancio passivo che è la norma per una struttura che fornisce servizi e che certo non può lucrare su un servizio essenziale come quello della tutela di bimbi di tenera età.
Quanto basta a Gianni Cerutti per dare una sua dura sentenza: “I danni creati da questa maggioranza a Robbio non si erano mai visti prima; tutto sembra fatto contro noi robbiesi e tutto sembra fatto con fini non logici. E l’asilo nido è soltanto l’ultimo esempio”.  

Davide Maniaci © Riproduzione riservata