Martedì 19 Novembre 2019

Pioggia di milioni sui lavori pubblici, sarà un 2019 all’insegna delle grandi opere

C’è di tutto, c’è di più... ma verrebbe c’è da chiedersi se sia un libro dei sogni (irrealizzabili). In ogni caso la maggioranza ha adottato il piano triennale dei lavori pubblici con interventi per una somma complessiva di 2milioni e 343 mila euro. Un terzo dei soldi sono riservati all’ampliamento del cimitero monumentale.

Un progetto da 998mila euro che dovrebbe vedere la sua realizzazione nel corso dei prossimi 12 mesi. Alla manutenzioni vanno i “canonici” 250 mila euro, cifra che da anni è accantonata per questo tipo di interventi ma che, dando uno sguardo alla situazione attuale, non sembra congrua alle necessità di una rete viabilistica colabrodo. Le vie gruviera sono una caratteristica distintiva delle strade cittadini. Però spiccano i 300mila euro messi sul piatto per la realizzazione del primo lotto di lavori per l’ammodernamento dell’impianto natatorio. Per il miglioramento del “Giorgio Farina”, nell’arco di tre anni, è prevista una spesa do 900mila euro.

Lavori distinti da quelli attualmente in corso per il consolidamento della parte coperta delle piscine. Gli interventi in questione hanno un costo di 80 mila euro, sono realizzati da AsMortara e si concluderanno ai primi di aprile. Poi la vasca coperta potrà essere riaperta al pubblico. Nell’elenco delle opere pubbliche c’è anche la nuova piazzola ecologica, un sogno da 400 mila euro che si ripete dall’ormai lontano 2013. Da sei anni le due “parole magiche” della piazzola ecologica continuano a comparire tra gli obiettivi dell’anno, salvo poi slittare inesorabilmente all’anno successivo.

Che sia la volta buona? Il progetto c’è. La struttura sarà realizzata su un terreno comunale posto in via Gassagalla, nei pressi della del distributore di benzina. La programmazione annuale è poi completata dai 180mila euro per la manutenzione del palazzo municipale, dai 150mila euro per la messa a norma dei luoghi di lavoro e dei 65 mila euro per la manutenzione straordinaria degli impianti sportivi. Meno ambiziose, invece, le opere per i due anni successivi. La programmazione per il 2020 e il 2020 abbassa il tiro e anche la spesa. Per il 2020 sono stati messi sul piatto un milione e 500mila euro, mentre per il 2021 la maggioranza ha immaginato una spesa di “soli” 800mila euro.

Luca Degrandi © Riproduzione riservata