Giovedì 18 Luglio 2019

Palio di maggio, contrade all’opera: definito l’ordine del corteo e dei giochi

Manca un mese alla data fatidica e le contrade lavorano a testa bassa. Domenica 5 maggio si svolgerà il primo Palio della Santa Croce, la nuova manifestazione organizzata dal Magistrato delle Contrade per ridare vita alla festa di maggio, la vera festa della città, finita nel dimenticatoio e ricordata da quelli che approfittano del lunedì festivo per andare a Gardaland.

Tanto che negli ultimi anni la vera tradizione è diventata la giornata da trascorrere nel mondo di Prezzemolo in riva al lago di Garda. Le contrade provano così ad accendere la città anche in una domenica di primavera. Lunedì scorso, 1 aprile, l’assemblea del Magistrato ha varato l’ordine delle contrade nel corteo storico.

La passeggiata storica sarà aperta dalla corte di Ludovico il Moro e Beatrice d’Este, impersonati da Roberto Frigerio e Irene D’Angelo, e sarà immediatamente seguita dalla delegazione comunale della Mortara sforzesca con Pier Pirola che tornerà a vestire i panni del podestà Carlino di Angelo Caposilvi. Quindi seguiranno le sette contrade secondo l’ordine estratto a sorte: per primi sfileranno i contradaioli della Torre, ancora gongolanti per la vittoria dello scorso settembre, quindi sarà la volta di Braide, San Dionigi, il Moro, Sant’Albino, San Cassiano e il Dosso.

Nobili, borghesi e popolani attraverseranno la città, come da tradizione, partendo alle 15 da corso Principe Amedeo per giungere in piazza del teatro secondo il collaudato percorso: corso Garibaldi, corso Cavour, via Cortellona, via Roma, corso Josti, via XX settembre, via Fagnani e via Belluschi. Nella stessa serata è stato varato anche il programma delle sfide che daranno il vincitore del Palio. Le contrade si sfideranno su quattro prove pensate per i giocatori: il gioco della marna, il lancio del brocchiere, la corsa sui ceppi e il lancio dei cerchi. Seguiranno due prove che vedranno protagonisti gli arcieri: il tiro sulle sagome 3D e il tiro al paglione.

Le sei sfide saranno intervallate dalla grande novità del 2019: la scherma medievale. Sin dal mattino si svolgeranno le prove del torneo Hema in armis “Trofeo Città di Mortara”: a partire dal pomeriggio si svolgeranno le ultime gare partendo dai quarti di finale: gli otto “campioni” rimasti in gara saranno abbinati alle sette contrade, mentre uno sarà un “jolly” e verrà abbinato in segreto ad una delle contrade, e inizierà la sfida. Dai giochi le contrade otterranno dei punti che andranno a sommarsi al punteggio ottenuto dagli arcieri. La classifica finale sarà dunque determinata dalla somma dei punti. Molto semplicemente, vincerà il Palio la contrada che avrà ottenuto il punteggio più alto.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata