Sabato 07 Dicembre 2019

Oltre 230 pizze sfornate e tre serate da...Milly e una notte per Sant'Anna

Si è conclusa la tradizionale sagra di Sant’Anna a Dorno, che ha visto un programma inizialmente funestato dal meteo pazzerello di fine luglio, senza però snaturare le serate di festa principali che hanno richiamato nelle piazze del paese tanti dornesi e non solo.

Il ricco programma ha dovuto purtroppo essere rivisto specialmente nella serata di sabato, quando sono arrivate le prime piogge, facendo saltare l’evento in piazza San Rocco e costringendo la Pro loco a dichiarare annullata la prima kermesse.

Domenica il programma è proseguito senza intoppi, ed ha così avuto luogo l’ormai consueta festa della pizza che ha visto sfornare, dal forno a legna mobile piazzato nella cornice di piazza Bonacossa, ben 230 pizze. Ad accompagnare la serata l’esibizione del gruppo “Opera III”, tributo ufficiale ai Pooh, che ha richiamato molti amanti dello storico gruppo beat italiano.

Lunedì sera l’orchestra “Milly e una notte” (nella foto), proposta e contattata dall’associazione “confraternita della porchetta”, ha fatto danzare i ballerini dornesi e non solo sulle note di musica liscio, latino e tanto altro, animando la piazza Dante. L’ultima serata di festeggiamenti ha visto l’esibizione della “Shary band”, già salita sul palco dornese in alcune passate edizioni della sagra, portando musica di ogni genere dagli anni ’70 ad oggi, imbastendo un grande spettacolo di luci: tante le persone accorse in piazza Bonacossa per questo gran finale in musica, ed anche per gustare le grigliate e le salamelle preparate allo stand della Pro loco.

L’associazione dornese, coordinatrice dei vari eventi, ha raccolto molti consensi e apprezzamenti per le varie serate, segno che le proprie fatiche e quelle delle associazioni coinvolte sono state ben ripagate. Anche il parroco Don Antonio è stato molto soddisfatto dalle numerose offerte raccolte al banco di beneficenza, che quest’anno ha visto come location la centrale chiesa di San Rocco.

Marta Mocellin © Riproduzione riservata