Mercoledì 03 Giugno 2020

Notte di poesia a villa Buzzoni Nigra con Marco Pozzati. Questa sera alle 21

“Pioveva ed era il giorno di Natale, non ricordo di quanti anni fa. C’era il vento, c’era il mio taccuino, è nata una poesia”. Marco Pozzati è un giovane poeta vigevanese il cui stile è puro istinto. "Ad animo scoperto" (BooksPrint Edizioni) è la sua prima antologia poetica e ogni presentazione è un evento, in quanto il ventunenne unisce anche racconto, recitazione, aneddoti personali di una vita non facile.

Per questo il suo arrivo a Sartirana, stasera (venerdì 10 gennaio alle 21) presso villa Buzzoni Nigra, ha il sapore della serata insolita, diversa da tutte le altre. La serata doveva tenersi un mese fa, ma venne rimandata per la scomparsa di Giorgio Forni e Beppe Pasciutti. Le 42 poesie del volume, divise in tre capitoli - “Parole nomadi”, “Frammenti di malinconia” e “Promesse lontane”, sono state composte quando Pozzati aveva dai 15 ai 18 anni. “Quest'opera concettuale - aggiunge il poeta - mi riporta indietro, mi fa scoprire chi ero in quel momento. Adesso tutto è cambiato, sarà un viaggio del passato in cui come dice il titolo della raccolta mi metterò completamente a nudo. Molte poesie non le ho nemmeno rilette. Ho iniziato a scrivere da adolescente per sfogarmi, senza quasi un motivo razionale. Non ho progettato niente. Quando mi capita un foglio bianco, che a volte considero come un prolungamento della mia anima, lo riempio di getto. Per questo non ho un modello poetico, nessun autore a cui mi ispiro, né ho voluto un correttore di bozze propostomi dagli editori. Che, comunque, si sono fidati: io gli ho inviato la bozza e loro hanno deciso di pubblicare senza toccare niente”. Pozzati ha 22 anni, ma potrebbe averne il doppio. Nelle sue parole l’ottimismo è spesso nascosto da un alone, accecante, di rimpianto. Così si leggono frasi come “O pioggia (...), abbraccia questa terra che ti ama, dilaga nella mia anima il tuo respiro. Toc, toc, toc, ritmiche, le tue figlie sul mio volto”. Un crepuscolo, un’estate senza sole semmai ce ne fossero. La serata è condotta dal giornalista pubblicista Davide Maniaci ed è organizzata dall'Accademia San Pietro. L'ingresso è libero.

Riccardo Carena © Riproduzione riservata