Lunedì 08 Agosto 2022

Mortara, transenne ed eventi: due pesi e due misure

Gentile direttore, chiedo di utilizzare lo spazio del suo giornale per manifestare un disappunto che mi è sorto durante la serata dei “Tri pas in piasa” di venerdì scorso. Una serata sicuramente bellissima per la città e ben organizzata. O meglio, direi che ci è andata bene. Non voglio portar iella ma se un pazzo (non mi verrebbe altro modo per definirlo) si fosse voluto scagliare con la propria automobile sulla folla di mortaresi in festa lo avrebbe potuto fare senza alcun impedimento. Secondo le nuove manovre anti terrorismo, infatti, per simili eventi pubblici c’è l’obbligo di posizionare coperture o mezzi pesanti che inibiscano la possibilità di entrata di automezzi. Prendiamo come esempio la Festa dell’oca 2017, in cui i varchi della città sono stati chiusi da tir e camion molto ingombranti. O ancora possiamo pensare alla festa di San Pio X di poche settimane prima, in cui mi sembra di ricordare, e non a torto, ci fossero dei trattori a delimitare le strade. Venerdì sera ho visto moltissime transenne a delimitare le strade, qualche camioncino e ancora moltissime, forse troppe, transenne. Che anche un colpo di vento un po’ troppo forte potrebbe abbattere, figuriamoci una macchina. Nulla di più di una semplice transenna per lo sbocco stradale di via XX settembre (nella foto). Ora mi chiedo, è stato chiuso un occhio per agevolare gli organizzatori di questo evento? E va bene che la Fortuna sia per fama bendata ma non mi sembra il caso di chiudere gli occhi anche alla Sicurezza.  


Lettera Firmata  
 
Stimato Lettore, giriamo le sue perplessità agli amministratori. Che almeno si accorgano che l’abitudine ad avere due pesi e due misure non passa inosservata! Grazie della testimonianza.

Giovanni Rossi

© Riproduzione riservata