Mercoledì 11 Dicembre 2019

Mortara: svuotato il magazzino comunale

Lo chiamano già “il furto dei ladri giardinieri”. Anche se il bottino, che potrebbe raggiungere i 30.000 euro, lascia poco spazio alle battute di spirito. 
Nella notte tra domenica e lunedì una banda evidentemente ben organizzata è entrata in azione presso il magazzino comunale di via Martiri di Lidice, collocato in un ex capannone della Sacic e a pochi passi dalle scuole elementari, nella direzione di Olevano. 
I ladri si sono portati via alcuni decespugliatori, un grosso tosaerba e un soffione impiegato per liberare le strade dalle foglie. Tutta la refurtiva è stata caricata su un camioncino del Comune, anch’esso sparito nel colpo. I ladri hanno forzato prima la porta di ingresso che si affaccia alla strada, quindi si sono dedicati a tagliare, probabilmente con un flessibile, il grosso lucchetto che bloccava la seconda porta di accesso al magazzino. A questo punto è intuibile che abbiano caricato i voluminosi attrezzi sul camioncino, andandosene indisturbati.
Un furto che proprio non ci voleva, perché avviene in un periodo piuttosto delicato per la necessaria manutenzione del verde urbano. 
Il Comune è assicurato, ma il risarcimento dei danni avrà i suoi indispensabili tempi tecnici, mentre gli attrezzi rubati servono proprio in questo periodo. Tra pochi giorni gli operai comunali sarebbero usciti proprio con il furgoncino rubato, con decespugliatori e tagliaerba per curare le aiuole e il verde della città. 
Che adesso, per colpa di questi ladri ancora senza volto, dovrà aspettare. Non si hanno invece notizie delle “palle di scorta” che vengono gelosamente custodite da anni nel magazzino comunale, identiche a quelle posizionate (non si sa perché) nella “povera” piazza del teatro e di fronte a palazzo Cambieri. 

Luca Degrandi © Riproduzione riservata