Venerdì 05 Giugno 2020

Mercato sotto le plance: primi trasferimenti

L’intervallo temporale tra fine giugno e inizio luglio, di solito, è contrassegnato da frenetiche attività di mercato. In genere, però, i primi ‘botti’ arrivano dalle società più altolocate e fornite di mezzi. Il balletto prevede che tutti i giocatori cerchino di piazzarsi il più in alto possibile. Nel frattempo, i roster della Serie A si completano e i giocatori, a poco a poco, abbassano le loro pretese e iniziano ad accasarsi anche in campionati meno prestigiosi.

Quindi è rarissimo che una società di Serie D faccia il colpaccio già a fine giungo. E’ un’operazione di alto profilo, e non la si può definire diversamente, quella che ha portato Luca Bossi, che ha finito la stagione da titolare a Mortara, a casa Pro. “E’ stata una vera e propria trattativa lampo – rivela il vice coach dei ducali, Marco Fogagnolo – ci siamo sentiti, il giocatore ha dimostrato fin da subito di avere le idee straordinariamente chiare, non ha tergiversato, non ha giocato al rialzo, non ha accampato altre offerte in stand by e, anche per questo, ci ha fatto una buonissima impressione”. Il Battagli intanto si assicura il play. “Possiamo anticipare – conferma Alfonso Zanellati – il nostro primo acquisto ufficiale, Stefano Liso (nella foto), un play, classe ’95, pescato nelle serie minori, con un passato recente tra C Silver e D in Puglia traTrani e Molfetta. E’ alto 1 metro e 85, quindi possiamo definirlo abbastanza ‘fisicato’, il che lo dovrebbe rendere perfettamente complementare ai nostri Marcone e Sacchi”. Tornando alla Pro, il tassello Bossi non è l’unico già inserito nel puzzle. “Abbiamo già un accordo anche con Andrea Malazzi – prosegue Fogagnolo – ala piccola, classe ’91, da sempre nell’orbita di Vittuone, tra D e C Silver, siamo lieti del fatto che Massimo Menarini, che sembrava intenzionato ad appendere le scarpette al chiodo, ci abbia ripensato. Tromello puntualizza sul tema panchina. “Vorrei innanzitutto sgombrare il campo dalle voci poco chiare in tema di allenatore – precisa Paolo Bellio – Giugi De Bernardi, a causa dei suoi impegni di lavoro che lo portano spesso in giro per il mondo, ha semplicemente fatto un passo indietro, ritagliandosi il ruolo di vice, scambiandosi di posto con Andrea Bocca, che sarà il nuovo coach. Anche noi stiamo cercando un lungo, perché Zucca si sente pronto a spiccare il volo verso piazze più prestigiose. Cerchiamo anche un play, perché Orsenigo sarà all’estero per motivi di studio fino a fine anno. In casa Robbio, società e allenatore, pur con il poco tempo che gli lascia il camp estivo, continuano a cercare di definire la situazione con i giocatori in forze lo scorso anno, cercando, al contempo, forze nuove da inserire. “La settimana scorsa avevo fatto i nomi di Grugnetti, Castano e Pozzi – ricorda Pier Zanotti – cui possiamo aggiungere quelli del play, classe ’93, Filippo Gallina e di Gabriele Buzzin, entrambi confermati”.

Nevina Andreta © Riproduzione riservata