Mercoledì 12 Dicembre 2018

Mede: bus in piedi, studenti infuriati sulla Mede-Casale (101 euro al mese)

  • Mede
  • 28 Novembre 2018

Gli studenti-pendolari sono in rivolta sulle linee di autobus che arrivano a Casale e ad Alessandria. Mentre le amministrazioni coinvolte (oltre alla medese anche Sartirana, Breme e Candia, senza contare quelle dei centri piemontesi) chiedono un incontro coi gestori del servizio, le famiglie minacciano di non pagare l’abbonamento se la situazione non migliorasse. Alcune, sembra, abbiano già serrato i portafogli. 
E pensare che per l’abbonamento da Mede a Casale Monferrato servono ben 101 euro al mese! 
La protesta va avanti dall’inizio dell’anno scolastico, da quasi tre mesi, e prima di arrivare sul tavolo degli amministratori comunali e della stampa locale sembra che fosse stata inascoltata da tutti. 
“Almeno una ventina di studenti superiori che salgono a Mede per Casale Monferrato – raccontano alcuni genitori – sono costretti a stare in piedi per almeno due ore al giorno, andata e ritorno, su mezzi sovraffollati vecchi e sporchi, dove a volte quando piove entra anche l’acqua. Oltre alla scomodità, temono per la loro sicurezza: le frenate improvvise, per studenti in piedi in un veicolo intasato, possono essere pericolose proprio per l’equilibrio precario”. Sembra che gli stessi autisti, in alcuni casi, abbiano consigliato ai giovani pendolari di sollecitare le società di trasporti titolari del servizio. Ma finora non c’è stato esito e aspettare la corsa successiva vorrebbe dire passare molte ore a Valenza o a Casale senza sapere cosa fare prima di tornare a casa, sottraendo così ore allo studio. 
L’incontro con la Provincia e i gestori, Autoguidovie e la società subappaltante, la Garbarini di Sannazzaro, sembra questione di giorni. Lo attendono in tanti. L’obiettivo delle amministrazioni locali è quello di creare un tavolo di confronto tra gestori, sindaci e pendolari.
Un altro obiettivo da parte degli amministratori è quello di sollecitare le famiglie che protestano non pagando l’abbonamento, a tornare a pagarlo, o si creerebbe un effetto-domino che non migliorerebbe le cose.

Davide Maniaci © Riproduzione riservata