Giovedì 19 Settembre 2019

L’ex teatro asilo rinasce in sala polifunzionale

  • Zeme
  • 15 Maggio 2019

Rinasce l’ex teatro-asilo dopo più di dieci anni, anche se ora si chiama “sala polifunzionale”. L’inaugurazione della struttura di via Cavalier Robecchi, tenutasi domenica in una sala strapiena anche se non andava in scena nessuno spettacolo, ha concluso un iter di lavori durato per circa due lustri. Sembrava essere tutto pronto già nello scorso ottobre, ma lungaggini varie hanno rimandato la cerimonia a metà maggio. 

Non è stata una passerella elettorale: il sindaco Gianandrea Pagani ha già annunciato da tempo di lasciare. Dopo 39 anni in amministrazione di cui 15 da primo cittadino non si candiderà in nessuna lista, né ha designato un suo successore. I lavori sono costati più di 400mila euro e sono stati divisi in due lotti. 

Durante il primo, nel 2010, sono stati rifatti il tetto, l’intonaco e i serramenti. Nel secondo, iniziato nel 2015, sono stati completati gli interni, coi bagni, i pavimenti e i camerini. L’obiettivo adesso è riempirlo e far tornare gli spettatori, magari riprendendo gli spettacoli di quella Filodrammatica Zemese che per quasi mezzo secolo, sia con gli spettacoli impegnati sia col dialettale,  ha intrattenuto tutta Zeme. Inoltre potrà essere usato anche per incontri ed eventi di vario tipo.  Nella cerimonia di domenica 12, dopo il saluto di Pagani, è stato Alfredo Signorelli a raccontare la storia del teatro-asilo fino ad oggi, prima dell’intrattenimento del gruppo vocale Calliride e dell’apericena a cura dei ragazzi dell’istituto Pollini di Mortara. 

All’inaugurazione oltre agli immancabili vari sindaci c’era anche l’onorevole Marco Maggioni della Lega. Il restauro è stato possibile grazie ai contributi regionali.

Davide Maniaci © Riproduzione riservata