Mercoledì 29 Gennaio 2020

Interventi agli acquedotti AsMortara cura “l’oro bianco”

L’oro del futuro è certamente l’acqua e AsMare se ne prende cura. In tutti i sensi. Infatti l’azienda presieduta da Simone Ciaramella, attraverso il braccio operativo di Pavia Acque, ha iniziato un’imponente lavoro di manutenzione sulle torri dell’acquedotto cittadino. Un intervento da oltre 90 mila euro che rimetterà a nuovo le strutture in cemento armato alte 35 metri. I tre “giganti” servono a garantire una pressione di almeno 3,5 bar nei rubinetti delle abitazioni.  Dalla settimana scorsa sono iniziati i lavori presso la torre di via Ciniselli. Subito dopo toccherà a quella di via Mirabelli. Infine AsMare si occuperà direttamente della manutenzione della terza e ultima torre, quella di via Marsala, nella primavera del 2019. 
“I cantieri sono stati avviati da Pavia Acque – spiega Simone Ciaramella, amministratore unico di AsMare – e completeranno le manutenzioni straordinarie delle torri pensili a servizio delle centrali di potabilizzazioni di Via Ciniselli e Via Mirabelli. I lavori consisteranno nell’eliminazione delle parti cementizie oggetto di parziale distacco mediante scarifica delle porzioni di calcestruzzo ammalorato. Poi sarà fatta una pulitura accurata, mediante protezione anticorrosiva, dei ferri di armatura. In ultimo sarà effettuato il ripristino delle superfici ammalorate mediante la ricostruzione volumetrica del copriferro e una rasatura protettiva”. Ma le grandi manovre dell’azienda di via Vecellio non finiscono qui. Infatti in questi giorni inizierà anche l’opera di potenziamento della linea fognaria esistente in via Inglese. Si passerà dall’attuale diametro di 400 millimetri in calcestruzzo ad un diametro di 600 millimetri in materiale plastico. “Ciò garantirà un migliore deflusso della tratta fognaria di via Durini – aggiunge Simone Ciaramella – grazie all’allargamento della fognatura in un tratto lungo circa 80 metri”. L’ammontare stimato dei lavori è di circa 21mila euro. Il progetto è invece parte integrante dello studio “anti-allagamento” realizzato dall’Università di Pavia e che AsMortara sta completando. 

Luca Degrandi © Riproduzione riservata