Giovedì 19 Settembre 2019

Il gruppo dei giovani Snpx trascina la storica festa di San Pio X

San Pio chiude i battenti, soffiando 54 candeline dopo tre giorni di festa coinvolgente ed emozionante. Da venerdì 30 agosto a domenica 1 settembre il quartiere non si è fermato mai, caricato anche da una gustosa rassegna streetfood itinerante curata dall’associazione Hop Hop streetfood, che ha portato in via Belvedere ventidue truck di cibi internazionali. Alla regia della festa più antica della città, per il terzo anno, i giovani Snpx, il gruppo di undici ragazzi under 30 guidati dall’amore per il proprio quartiere e per la città in cui vivono.

“A pochi giorni dalla fine della festa – commenta Paolo Redo Bianchi a nome del gruppo – abbiamo ancora l’adrenalina in corpo, siamo stanchi ma orgogliosi di quel che siamo riusciti a fare. Sono stati tre giorni magnifici, tre giorni per cui abbiamo lavorato un anno intero ma che ci hanno donato una soddisfazione immensa. È stato bello vedere le tante realtà locali, appartenenti anche ad ambiti differenti, riuscire ad amalgamarsi in un unico abbraccio. Ma nulla sarebbe stato possibile senza l’amicizia che lega noi ragazzi del gruppo organizzatori, un’amicizia nata fin da piccoli proprio nel nostro quartiere, con una passione per la festa trasmessa dagli organizzatori che prima di noi si sono succeduti. E ancora una volta, come dieci, quindici, venti anni fa, ci siamo commossi guardando dal sagrato della chiesa di San Pio X lo spettacolo pirotecnico”. La 54esima edizione della Festa di San Pio X ha avuto una partenza con il botto nella serata di venerdì con il concerto di musica polifonica antica e contemporanea alla chiesa di San Pio X, che ha coinvolto diversi talenti musicali della nostra zona, e un torneo di scopa d’assi che ha tenuto fino all’ultimo col fiato sospeso. Sabato 31 agosto è stata invece una giornata soleggiata ed energica, con un mercatino di hobbistica, un incontro tra scrittori di gialli, esibizioni sportive e la partita del cuore, che ha visto scendere in campo la squadra “Micheleria” contro la “Virtus Zeme”. La sfida tra le due realtà calcistiche amatoriali ha inaugurato la raccolta fondi di un defibrillatore con il quale il quartiere di San Pio X vorrebbe rientrare per la seconda volta all’interno del progetto #MortaraCardioprotetta. Nel tardo un revival anni Sessanta del Musichiere, presentato da Mauro Starone. Una sfida tra venti concorrenti, tra i quali ha avuto la meglio Matteo Cuffari. Lo showman mortarese Mauro Starone, nel pieno delle sue forze, ha poi dato vita a una serata danzante unica nel suo genere, un viaggio nella musica da ballo che passa nelle sale di danza e nelle piazze. Un balzo a domenica 1 settembre, la giornata clou della festa, animata dal Gran Premio di San Pio, la corsa di macchinine a pedali nella sua prima tappa mortarese. Una sfida tra cinque scuderie che si sono districate in una pista non facile, con curve a gomito anche molto impegnative. Alla fine è stato il team Burio di Cergnago ad aggiudicarsi la vittoria. Una domenica per grandi e bambini, tra gonfiabili, stand di associazioni locali, esibizioni sportive e attività interattivi con pony e cani. Il cuore della giornata è stato occupato da un divertente torneo di volley acquatico, memorial Felice Forti, che ha visto la squadra “I cani sciolti” prevalere su tutte le altre dopo una finale all’ultimo punto. Nella serata, dopo la consegna dei diplomi da parte dell’amministrazione comunale ai ragazzi che in questo 2019 hanno compiuto o compiranno il diciottesimo anno di età, il quartiere si è animato sotto la sicura guida del giovane dj Federico Masiero, in arte Mad Mussell, e del vocalist Edoardo Franco, alias Eddy Voice. Una serata unica nel suo genere, adrenalica ed entusiasmante. La 54esima edizione della Festa di San Pio X si chiude con successo, regalando un sorriso alla città, salutando l’estate nel migliore dei modi.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata