Mercoledì 03 Giugno 2020

I Carabinieri passano al setaccio le strade: 80 veicoli e 100 persone fermate in poche ore

Maxi operazione dei Carabinieri contro le truffe agli anziani. Sono state più di 100 le persone passate al setaccio dagli uomini della Benemerita, mentre i veicoli controllati sono stati 80. Dopo i tre tentativi sventati a Valle e Sartirana da anziane che, per loro fortuna, avevano preso parte a incontri formativi organizzate dall’Arma proprio per impedire le truffe, la Compagnia di Vigevano è stata protagonista di una grande operazione volta a impedire le truffe nelle abitazioni.

Lo scorso giovedì 30 gennaio, nei territori dei Comuni di Gambolò, Garlasco, Gravellona, Mortara e Vigevano, i militari hanno effettuato un’operazione di controllo “ad alto impatto” finalizzato al contrasto di quei reati che vengono definiti “predatori” come appunto le truffe agli anziani e i furti in abitazione.  

Sono stati controllati numerosi veicoli e persone, soprattutto lungo gli assi stradali principali che portano a quei Comuni della Lomellina dove si sono registrati nell’ultimo mese il maggior numero di tali reati. Al termine dell’attività di controllo è stato denunciato un pregiudicato 39enne, nato a Trento e residente a Dorno, che si trovava al volante del proprio autoveicolo in stato di ebbrezza: un’alterazione desunta dall’evidente sintomatologia, tanto che il 39enne si è rifiutato di sottoporsi all’accertamento del tasso alcolemico. Nei guai anche un 39enne ecuadoregno, sorpreso alla guida senza patente: l’uomo è stato denunciato a piede libero.

Sono stati inoltre segnalati alla Prefettura, con contestazione degli illeciti amministrativi quali assuntori di sostanze stupefacenti, un 43enne disoccupato di Castelnovetto e una 38enne di Robbio: durante i controlli sono stati trovati in possesso di una decina di grammi di marijuana.

Nella maxi operazione di setaccio del territorio sono stati sanzionati molti guidatori sorpresi al volante mentre utilizzavano il telefono cellulare, mentre un veicolo è stato sequestrato perché era sprovvisto di copertura assicurativa. 


Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata