Martedì 12 Novembre 2019

Hockey, sabato a Bra la Bonomi entra nella tana del lupo. "Cercheremo di scovarlo"

Domani è già tempo della madre di tutte le partite per la Cgr Bonomi. Si gioca Bra-Bonomi, la gara scudetto per eccellenza, quella che nel girone di ritorno della scorsa stagione si rivelò decisiva, in sfavore purtroppo della formazione di Castello d'Agogna, quando il doppio vantaggio dei ragazzi di Angius si sgretolò con la rimonta dei padroni di casa, sospinti dal loro calorosissimo pubblico. Domani alle 15 la storia, così come il romanzo del nuovo campionato, potrebbero prendere una direzione completamente diversa, anche se siamo solo alla terza giornata.

Ma c'è almeno un altro motivo che rende lo scontro diretto tra i gialloneri e i biancoverdi una partita diversa da tutte le altre. Nell'ultima sessione di mercato, infatti, le sirene di Bra hanno incantato Francesco Padovani, il capitano e portiere della Nazionale, fino allo scorso campionato in forza alla Bonomi. Domani sarà dalla parte opposta e c'è da scommettere che le motivazioni per lui saranno alle stelle, contro quella che pochi mesi fa era la sua squadra. Allo stesso modo la formazione castellana cercherà di prendersi la rivincita dopo la bruciante sconfitta in rimonta subita in primavera, per tenere vive le speranze di lottare fino in fondo per lo scudetto nonostante il passo falso alla prima giornata, con la sconfitta interna contro Adige.

La Cgr ha comunque raddrizzato la sua corsa già alla seconda, con la vittoria per 6 a 2 sabato scorso sul campo del Bologna. "Finalmente parliamo anche di una bella vittoria - commenta Stefano Angius - e dico anche perché oltre alla prestazione eccezionale, così come a mio avviso avevamo messo in campo anche contro Adige, questa volta sono arrivati i tre punti. E sottoporta i ragazzi finalmente sono stati più concreti, incisivi e efficaci".

La Bonomi a Bologna non ha sbagliato praticamente nulla, realizzando due gol su azione e trasformando due rigori, oltre ad aver finalmente sfruttato i corner conquistati. La Cgr si porta rapidamente sul 3 a 0 con Mardones su corto, Eguizabal su azione e Gonzalo Ursone (nella foto) con una bella giocata su corto. Bologna non pervenuto almeno fino al secondo quarto, ad eccezione di un corto parato da Carrozzo. Nel terzo, però, la formazione di casa riduce lo svantaggio sfruttando un errore grossolano nella marcatura della retroguardia biancoverde. La Bonomi comunque continua ad attaccare, segnando il 4 a 1 con Ursone dal dischetto del rigore. Il 5 a 1 porta invece la firma di Arlenghi che conclude al meglio un contropiede da manuale. Poi fa tripletta Ursone, su corto, così come da corner corto arriva nel finale l'indolore 6 a 2 del Bologna. Stefano Angius lancia in campo diversi giovani, Frego per fare un nome su tutti, e concede minutaggio anche al secondo portiere Comello. Domani a Bra non sarà certo così facile.

"Andiamo nella tana del lupo - esclama Angius - e cercheremo di stanarlo". Dopo la trasferta si tornerà al Comunale, con la gara di domenica mattina alle 11 contro Valchisone. Un weekend che potrebbe già dire molto sul campionato della squadra di Castello d'Agogna.


Riccardo Carena © Riproduzione riservata