Giovedì 22 Agosto 2019

Granelli vince la sua battaglia. A Mortara un’estate con tanto sport e il centro più accogliente (era ora)

Mortara si sposa con lo sport: il matrimonio è fissato per l’8 settembre, giorno della prima edizione della manifestazione “giornata dello sport”. Ma anche le rose hanno le spine. Per un amore che sboccia, cioè quello tra la città e le attività sportive, ce n’è uno che attraversa una profonda crisi. Infatti il Mortara calcio ha detto “no” alla proposta di Luigi Granelli. Il calcio non sarà presente al grande evento pensato dall’assessore allo sport per promuovere le attività motorie. 

Un “niet” che sembra legato al lungo braccio di ferro tra amministrazione e società per l’uso e la gestione del campo sportivo. L’impianto sarà ora gestito dall’ente pubblico e il Mortara Calcio dovrà pagare una tariffa oraria per usare il rettangolo di gioco. 

“Mi hanno detto – spiega Luigi Granelli – che domenica otto settembre non possono essere presenti perché coincide con la data della prima giornata di campionato. Rispetto le scelte di tutti, ma penso che sia un’occasione persa. Sarebbe bastato un rappresentante del settore giovanile e una piccola porta da calcio per offrire l’opportunità di tirare un rigore. Basta poco per far nascere una passione, per far innamorare un bambino al gioco del calcio”.

Nonostante tutto a prevalere è la soddisfazione. Mortara farà comunque rima con sport. L’evento di domenica 8 settembre sarà una grande festa che animerà, dalla mattina fino alla sera, tutte le piazze del centro. Gli stand dimostrativi delle varie società sportive occuperanno tutte le piazze del centro. Saranno infatti occupate piazza Silvabella, piazza Dughera, piazza Olivelli, piazza Martiri della Libertà, piazza Vittorio Emanuele II e piazza Carlo Albero. Ma non è tutto. Infatti via Roma e corso Josti saranno transennate per dare vita ad una sorta di isola pedonale.

“Nelle vie del centro il traffico sarà limitato al minimo – spiega Luigi Granelli – senza però creare disagi ai residenti che potranno comunque spostarsi in auto. Per il resto tutto sarà organizzato per far felici i nostri piccoli aspiranti atleti.  Lo scopo è quello di promuovere ogni pratica sportiva coinvolgendo sia i bambini che gli adulti. Tutti potranno provare le attività, oppure assistere a delle dimostrazioni. Invito grandi e piccoli a presentarsi in tuta così da poter sperimentare, se lo desiderano, gli sport in vetrina. Ormai lo sanno tutti: il moto fa bene alla salute, allontana i più giovani dal cellulare e contribuisce a creare socialità, amicizie, senso civico e la cultura della condivisione. Si impara a vincere ed accettare le sconfitte. Unisce nella passione grandi e piccoli. Mantiene giovani e migliora il morale”.

La manifestazione dovrebbe svolgersi dal mattino alle 10 fino alle 21 circa e coinvolgerà anche le attività commerciali che vorranno aderire.

“Un altro invito – aggiunge infatti l’assessore al commercio – lo voglio rivolgere a tutti i commercianti. La collaborazione tra associazioni, Comune e commercianti è fondamentale. Tutti devono essere coinvolti e partecipi. Sarebbe bello se nel corso domenica dedicata allo sport i negozi rimanessero aperti. Penso che ci sarà molta gente per le strade e tenere aperto il proprio negozio non può che essere un vantaggio per tutti. Per gli esercenti e per i molti potenziali clienti. Un’ulteriore idea è quella di offrire un piccolo sconto alle persone che nel corso di quella domenica si volessero fermare a pranzo nei bar, nei ristoranti e nelle pizzeria della città. Così si invogliano le persone a fermarsi fuori casa”.

Luca Degrandi © Riproduzione riservata