Giovedì 05 Dicembre 2019

É l’ora del Passatore, sabato tocca al supermaratoneta Andrea Tiozzo

Finalmente scocca la grande ora! Dopo lunghi mesi di allenamenti, Andrea Tiozzo è pronto ad affrontare la grande sfida del “Passatore”. Cento interminabili chilometri da Firenze a Faenza, per un’impresa che mette a dura prova il fisico e la mente. Tiozzo si presenterà ai nastri di partenza a Firenze forte di un duro allenamento invernale: negli ultimi mesi l’atleta mortarese ha torchiato gambe e testa per essere pronto a percorrere questa sfiancante ultramaratona. Una sfida enorme, in grado di mettere a dura prova anche il fisico più allenato. Per questo serve anche un grande cuore, in grado di dare una spinta decisiva per completare l’impresa. Così accanto al cuore di Andrea Tiozzo batterà all’unisono il cuore di Anffas Mortara e dei suoi ragazzi, primi “tifosi” di Tiozzo. La corsa del maratoneta mortarese, infatti, poggia le sue basi sulla beneficenza: “insieme si può” è il nome della sua sfida abbinata a una raccolta fondi a favore di Anffas.

“In queste ultime settimane più che il fisico ho dovuto allenare la mente, poiché come sostengono molti esperti mental coach, bisognerà “correre con la testa” cercando di non accelerare, di tenere un passo costante, di non farsi prendere dall’adrenalina iniziale. - commenta Andrea Tiozzo - Bisognerà ragionare, perché ci sarà da affrontare il caldo iniziale, la lunga e devastante salita verso passo della Colla, le tenebre della notte e l’infinita discesa finale. Il Passatore va rispettato chilometro dopo chilometro: queste gare non si portano al termine solo con il fisico e la fatica, senza il pieno controllo della propria mente si è a casa alla prima salita. Non dovrò fermarmi quando mi sentirò stanco, ma solamente quando sarò arrivato a Faenza!”. 

Avrà il pettorale 1379 e scatterà alle 15 di sabato da piazza del duomo sotto la cupola del Brunelleschi e dovrà arrivare a Faenza, dopo aver scollinato nottetempo l’Appenino, probabilmente nelle primo ore della mattinata di domenica 27 marzo. 

Oltre al suo quotidiano allenamento, in questi ultimi mesi, Tiozzo ha partecipato alla 50 chilometri Terre di Siena ultramarathon con un tempo di 4 ore e 47 minuti, ha percorso 70 chilometri nella giornata della Scarpa d’Oro di Vigevano, ha preso parte alla 60 chilometri di Seregno con un tempo di 5 ore e 32 minuti ed ha supportato passo dopo passo per 70 chilometri, dal pomeriggio alla notte, il suo compagno di squadra Daniele Camana da Casteggio ad Ovada sul percorso della Ultra Milano Sanremo.

Andrea Tiozzo sarà “accudito” da una squadra di supporto formata da Gloria, Eleonora e Maverick, una “crew” che lo seguirà da Firenze a Faenza soprattutto durante la notte, quando le insidie portate da tenebre e freddo si aggiungeranno a quelle del Passatore.

Vittorio Testa © Riproduzione riservata