Lunedì 27 Gennaio 2020

Dopo il “niet” di Mortara, il torneo Green volley torna a animare Albonese

Con la regia della Pro Mortara, per il secondo anno consecutivo, il tradizionale torneo “Green volley” di pallavolo sull’erba, lo scorso weekend è tornato nella sua sede originale, il campo di Albonese gestito dalla Polisportiva. L’edizione 2017, la prima curata dalla Pro, era invece andata in scena a Mortara, al Campo sportivo. Ma quest’estate sembra proprio che le strutture cittadine non conoscano pace, così dopo la chiusura totale della vasca coperta delle piscine “Giorgio Farina”, anche la struttura dello stadio che in passato ospitava il bar, oltre alla sede del Mortara Calcio e del circolo ricreativo “Gallino” non ha passato il severo giudizio sull’agibilità operato dall’Amministrazione. E come una doccia fredda, visto che fino a pochi mesi fa non era sorta alcuna problematica, gli organizzatori del torneo di volley, per conto del Mortara Calcio che ha in gestione l’impianto comunale, si sono visti negare la possibilità di accedere anche solo all’area esterna dell’ex bar per potersi rinfrescare tra un set e l’altro con birre alla spina e prelibatezze alla griglia. Utilizzo del campo sì, area ristoro e relax no. Insomma, un aut aut in piena regola che non avrebbe potuto portare a una soluzione diversa: ciao ciao Mortara, noi torniamo ad Albonese. Così l’ennesimo pasticcio in salsa mortarese ha partorito l’assurdo risultato di un torneo che si chiama “Green Volley”, organizzato dalla Pro Mortara ma che si è giocato ad...Albonese! “Non c’erano alternative, - spiega Matteo Gallina, dirigente della società di via Baroni - è impensabile poter organizzare un torneo di volley nel pieno del mese di luglio senza poter dare la possibilità ai giocatori di usufruire di un punto di ristoro e di un po’ d’ombra”. Così la decisione, inevitabile, di tornare a disputare il torneo ad Albonese, a casa della Polisportiva, grazie alla disponibilità del presidente Pietro Polini “Che ringraziamo per la gentile ospitalità e per la concreta collaborazione dal punto di vista organizzativo” - dicono dalla Pro. I due giorni di volley sull’erba hanno visto trionfare l’A.C. Picchia, giovane team composto da ragazzi tra i 14 e i 16 anni. Secondo posto per “Quelli che volevano smettere” e terzi a pari merito i C3-PO e “Gli ultimi”.

Riccardo Carena © Riproduzione riservata