Martedì 05 Luglio 2022

Danneggia un'auto dei carabinieri e altre macchine, sradica una cassetta della posta e sparge rudo in strada. Arrestato

Nella tarda notte di ieri 21 agosto, a Gropello, i carabinieri della hanno tratto in arresto per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, interruzione di un ufficio o servizio pubblico e danneggiamento aggravato un trentanovenne. I militari erano intervenuti in via Roma intorno alle 21, per la segnalata presenza dell'uomo, noto come molestatore della quiete pubblica per i suoi schiamazzi violenti, che stava gettando l’immondizia su tutta la via incurante dei presenti, tentando inoltre di sfasciare le macchine parcheggiate lungo la strada.

Giunti sul posto, i carabinieri hanno notato subito il soggetto che barcollava pronunciando frasi senza senso e che aveva appena terminato di sradicare dal muro di un'abitazione la cassetta della posta, gettandola a terra. Alla vista della pattuglia di Gropello, si è scagliato immediatamente contro la vettura con una furia incontrollata, unendo entrambi i pugni per sferrarli al capo servizio, il quale riusciva a pararne uno con il manganello in dotazione. Non desistendo, il 39enne si è scagliato contro l’autovettura di servizio con dei violenti colpi al cofano anteriore danneggiandolo visibilmente. A quel punto veniva immobilizzato dagli operanti che provvedevano ad ammanettarlo, coadiuvati dall’altro personale di supporto della stazione carabinieri di Gambolò giunto nel frattempo in ausilio. A causa del suo stato di alterazione per evidente abuso di sostanze alcoliche veniva quindi sistemato su autoambulanza del 118, chiamata in precedenza e già arrivata sul posto, ma l'uomo, non contento, una volta adagiato all’interno, tentava invano di liberarsi cercando anche di strappare la maglietta al soccorritore. Condotto presso il pronto soccorso dell’Ospedale Civile di Pavia, veniva sottoposto a terapia per smaltire l’eccesso alcolico, in attesa del giudizio per direttissima, a cui verrà sottoposto nella giornata odierna.

L’arrestato annovera precedenti specifici: nel 2014 era già stato tratto in arresto dai carabinieri di Garlasco per resistenza a Pubblico ufficiale, e condannato il 26 luglio scorso era stato deferito dalla Sezione Radiomobile della Compagnia carabinieri di Vigevano per resistenza e lesioni a Pubblico ufficiale. In quell’occasione, alla guida del proprio autoveicolo pick-up, aveva urtato più autovetture in sosta sulla via Asia di Gropello Cairoli. Individuato dai militari in stato da agitazione psicomotoria a piedi poco distante da dove aveva parcheggiato, anche in quel caso, alla loro vista, aveva inveito nei loro confronti con frasi offensive e denigratorie e, nel tentativo di ricondurlo alla calma, aveva opposto resistenza, divincolandosi. Nel tentativo di immobilizzarlo, un militare aveva riportato una distorsione delle articolazioni di un dito della mano sinistra.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata