Martedì 12 Novembre 2019

Con 70mila euro (entro il 2019) i pompieri avranno il “mezzo dei sogni”

  • Mede
  • 27 Marzo 2019

Costa 165mila euro il “camion dei pompieri dei sogni”. E’ partito il progetto “Nuovo automezzo Aps”, da destinare alle attività del Distaccamento dei Vigili del Fuoco Volontari di Mede. L’obiettivo è quello di comprare il nuovo camion, quasi indispensabile, entro la fine del 2019 partecipando anche al bando apposito della Regione, che salvo sorprese dovrebbe essere rinnovato.

Mede, come capofila, si iscriverà con Robbio. 

Lo scorso anno proprio Robbio, nello stesso progetto comune, ottenne un mezzo. Quest’anno sarà Mede. L’acquisto di questi mezzi sarebbe di competenza del comando provinciale, che da anni però non riesce a fornire ai distaccamenti i veicoli idonei.

Il nuovo mezzo dovrà essere efficiente per il soccorso tecnico urgente e dovrà disporre di tutto il caricamento necessario per un primo soccorso veloce ed efficace. 

In particolare serviranno una doppia cabina, 3.500 litri di riserva idrica e i fari con l’illuminazione a led. I 165 mila euro messi in preventivo comprendono anche gli allestimenti interni ed esterni. Se il bando regionale dovrebbe portare 30 o 40 mila euro, le attività dell’Associazione “115 Amici dei Pompieri Lomellina Sud onlus” a fine 2019 dovrebbero averne portati altri 30mila. La previsione è quella di averne circa diecimila per ogni anno di attività a partire dal 2020, tra gli allestimenti nelle fiere e nelle sagre e altre giornate di promozione. 

“I fondi che permetteranno al progetto di partire, alla fine del 2019 dovrebbero dunque attestarsi intorno ai 70mila euro – stima Guido Bertassi, vicesindaco di Mede e membro del Cda della “115” – e non sono sufficienti per realizzare compiutamente il progetto. In ogni caso le condizioni necessarie per la sua realizzazione sono garantite dalle attività dell’Associazione dei prossimi anni. Si prevede la finalizzazione dell’acquisto del mezzo negli ultimi mesi del 2019, come normalmente richiesto dal Bando della Regione Lombardia. Per completare il progetto occorrerà probabilmente ricorrere ad un finanziamento. Per ridurne il più possibile l’entità e la durata si fa affidamento sul coinvolgimento dell’intera Comunità del Territorio, in particolare chiediamo il sostegno di Comuni, associazioni, fondazioni, aziende, semplici cittadini”. 

Il comprensorio gestito dai vigili del fuoco del distaccamento di Mede comprende infatti 18 Comuni, che beneficiano dell’instancabile lavoro dei volontari sia in caso di incendio sia per avversità meno gravi e quotidiane. Bertassi si auspica che le amministrazioni decidano di mettere a bilancio, annualmente, una cifra proprio a favore della “115”.

I volontari che ad oggi prestano il loro servizio presso il Distaccamento di Mede sono 18. Gli interventi nel triennio 2016-2018 sono stati 370 nel territorio di competenza, uno ogni tre giorni in media, ai quali se ne aggiungono altri 125 “fuori zona”, in supporto di altri colleghi dei distaccamenti limitrofi. I più comuni riguardano la rimozione di veicoli o ostacoli sulla strada, gli incidenti, i roghi di sterpaglie (addirittura 49 in tre anni) e la bonifica da api o calabroni. 

L’associazione “115”, nata otto anni fa, vanta cento tra iscritti e simpatizzanti. Attualmente i mezzi a disposizione sono tre, di cui un’autopompa serbatoio, un’autobotte pompa e un altro di polisoccorso, insieme a una Campagnola Mitsubishi L200, più snella. Mezzi utilissimi, ma datati. Da qui il “sogno” della nuova autopompa serbatoio.

Davide Maniaci © Riproduzione riservata