Sabato 16 Novembre 2019

Cilavegna: sul testamento benefico di Franca Rosa Lino spunta l’ombra di un (ancora) misterioso lascito - bis

Quando si parla di “giallo del testamento” in Lomellina tutti pensano alla intricatissima vicenda della povera Rina Mantica, finita, suo malgrado, in una torbida vicenda di truffe e imbrogli, che ha portato a due condanne. 
Ma questa volta il “giallo del testamento” riguarda Franca Rosa Lino, un’anziana vigevanese, ma di origini cilavegnesi, morta lo scorso luglio a 95 anni, a cui alcune voci bene informate attribuiscono due testamenti distinti e ben diversi fra loro. Tanto che non è difficile prevedere il ripresentarsi di uno strascico di polemiche.
Le ultimo volontà di Franca Rosa Lino erano state raccolte in un testamento regolarmente pubblicato, un  documento rogato nella primavera 2015 e pubblicato dopo la morte dell’anziana benefattrice. 
Nel testamento l’anziana destinava parte del patrimonio a distinte realtà del paese dell’asparago: terreni per una superficie di 54 pertiche, circa 3 ettari e mezzo, lasciati in eredita al municipio con il vincolo della manutenzione della tomba di famiglia, 200mila euro a Casa Serena con l’impegno di assicurare l’assistenza ad una sorella ospitata nella struttura e 50mila euro al Comitato locale della Croce Rossa. Il dettagliato elenco di beneficiari prevedeva anche l’altra sorella di Franca Rosa Lino, Enti vigevanesi e amici. A questo punto la macchina comunale si era messa regolarmente in moto per intascare il lascito: tanto che giovedì 8 novembre il consiglio comunale ha deliberato l’accettazione del lascito. Ma il Comune potrebbe restare con un pugno di mosche. Tra i numerosi “si dice” che si raccolgono in ogni angolo del paese sembra infatti che sia in fase di pubblicazione un secondo testamento, steso pochi mesi dopo il primo. Il testamento - bis, a quanto pare, sembra che possa lasciare l’amaro in bocca ai beneficiari del primo lascito: l’intero patrimonio, infatti, dovrebbe andare ad un altro Ente del territorio che sembrava escluso dal primo testamento. 

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata