Lunedì 30 Marzo 2020

Ceretto, con un semaforo il ponte riapre ai camion

Riapre ai mezzi pesanti il ponte sulla 26, con un semaforo mobile che regola il senso unico alternato, ma è già polemica. 
La corsia agibile è infatti una sola, quella a destra arrivando da Mortara (la meno ammalorata) e i mezzi dal peso superiore alle 3 tonnellate e mezzo possono attraversarla soltanto in una direzione, arrivando da Robbio. Si compie così il famigerato “circuito ad anello” a senso unico antiorario per i camion, che da Albonese attraversa Nicorvo e Robbio e ritorna a Mortara. L’unico modo per evitare deviazioni lunghissime, passando addirittura da Mede o Vespolate.
La comunicazione è arrivata improvvisa dalla Provincia nella serata di giovedì scorso, e già l’indomani sono arrivati l’ordinanza di riapertura e gli addetti provinciali a sistemare la nuova viabilità. Ma come spesso accade dopo i cambiamenti di viabilità fatti in fretta, non mancano le critiche. Gli automobilisti che da Mortara devono recarsi a Ceretto, infatti, non possono girare a sinistra all’incrocio subito dopo il ponte ma devono allungare passando dal cimitero. 
“Ho proposto alla Provincia – dichiara il sindaco di Ceretto, Giovanni Cattaneo – di spostare la linea di arresto indietro di 3 metri, in modo da poter consentire quella svolta a sinistra. Ma questa mia soluzione è stata bocciata perché non rispetterebbe la metratura esatta del codice della strada. Questo senso unico alternato è provvisorio, ma per noi è un disagio”.

Davide Maniaci © Riproduzione riservata