Sabato 08 Agosto 2020

Candia: si è spento il grande musicista Pierluigi Sampietro

Si è spento Pierluigi Sampietro, pianista e compositore di fama internazionale, considerato uno dei più eccellenti e innovativi interpreti di Mozart e Bach. 
Sampietro era nato a Candia il 30 gennaio 1928, cugino del sacerdote mortarese don Paolo Sampietro, e la sua immensa e travolgente passione per la musica si era rivelata fin dalla giovinezza. Dopo i primi studi a Mortara, ha proseeguito la sua preparazione presso i conservatori di Milano, Parma e Salisburgo, per poi attraversare l’oceano, verso l’avventura hollywoodiana. 
Una carriera concertistica, la sua, che lo ha portato ad esibirsi nei teatri più famosi del mondo, ottenendo sempre un grande successo sia di critica, sia di pubblico. Molto apprezzato anche dagli altri musicisti; tra tutti vale la pena ricordare che cosa disse di lui il famoso direttore d’orchestra Herbert Von Karajan: “La sensibilità di Sampietro al piano è quasi soprannaturale”. 
Concerti nei cinque continenti e Candia sempre nel cuore, tanto da scegliere di farsi conoscere anche come Pierluigi da Candia e da esserne nominato cittadino onorario. Dal 2004 inizia a suonare solo per beneficenza e così egli stesso spiegò la sua scelta: “Quando il cuore del pianista batte per gli altri, c’è qualcosa di nuovo nel concertismo, c’è la promessa che la vera musica può sollevare spiritualmente l’uomo dalla sua polvere e anche dai suoi mali Forse anche un miraggio del Paradiso”.  Nel 2007 papa Benedetto XVI lo invitò personalmente ad esibirsi in Vaticano: un concerto indimenticabile per l’artista, che così aveva commentato: “Fu l’anticamera del Paradiso, la più grande consolazione spirituale della mia vita”. 
Negli ultimi anni le declinanti condizioni di salute del maestro gli hanno impedito di realizzare il desiderio, più volte espresso, di un ultimo tour di concerti in Italia, a Vercelli, Pavia e nella sua Candia, nel cui cimitero riposeranno le sue ceneri. 

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata