Giovedì 21 Marzo 2019

Basket, Virtus in campo con due squadre per Gregorio Lampugnani e su Facebook esplode la generosità con la raccolta fondi in suo ricordo

In campo nel ricordo di Gregorio. Questa sera il Warriors Clan della Virtus concluderà il girone di andata del campionato di Prima divisione a Casteggio, con la partita di recupero della 12esima giornata in programma alle 21 e 30. I ragazzi mortaresi hanno giocato anche lunedì sera, in casa, per la 13esima giornata, proprio nel giorno dell'ultimo saluto a Gregorio Lampugnani, scomparso venerdì per una terribile malattia a soli vent'anni. 

Greg, il suo soprannome, era un membro del roster virtussino, squadra con cui era tornato in campo per praticare la sua più grande passione, la pallacanestro. Lunedì contro i Longobardos, sul parquet del PalaBianchi, i Warriors hanno giocato soprattutto per lui. “Si è trattata di una giornata del tutto particolare per noi – ammette Gaspare Boncimino, capitano della squadra – al mattino abbiamo tutti partecipato ai funerali di Greg, donando alla famiglia la sua maglia, la numero 12, con tutte le nostre firme. Il suo numero sarà ritirato e nessun Warriors indosserà il 12 di Greg”. Una seconda divisa, di colore blu (nella foto), è stata posata in panchina durante tutto il match di lunedì sera, poi la maglia verrà conservata al Palazzetto dello Sport, nella bacheca della sede della Virtus Basket. In campo, con il lutto al braccio e dopo il minuto di silenzio, per i Warriors è stato tutt'altro che semplice affrontare gli avversari pavesi. Eppure il match si è combattuto punto a punto fino al secondo quarto. “I Longobardos sono una squadra molto ben organizzata – continua capitan Boncimino – ma decisamente al nostro livello, nonostante ricoprano una posizione più avanzata in classifica, al terzo posto. Non possiamo che sottolineare un arbitraggio discutibile, fischiato da entrambe le parti, ma forse un po' più a favore loro”. Nel terzo periodo infatti i Warrios si ritrovano eccessivamente penalizzati per i troppi falli commessi, con gli ospiti che approfittano dei tiri liberi dalla lunetta per prendere il largo (+15). “Poi il match si è innervosito – conclude Boncimino – e nonostante il nostro buon ultimo quarto, che abbiamo vinto, non è stato sufficiente per annullare il profondo gap del terzo, il loro favore per 20 a 8”. Questa sera, mercoledì, si torna in campo, a Casteggio, ancora nel ricordo di Greg, che accompagnerà per sempre le prossime partite dei Warriors.


Warriors Clan – Longobardos Pavia 39-52 (13-10, 8-14, 8-20, 10-8) Warriors Clan: Boncimino 13, Varalda 1, Pratesi 8, Guarnaschelli 9, Peruzzini 2, Apicella 2, Vergani 2, Rigoni 2. All.: Ferraresi.


Tutti i giocatori del Clan Warriors hanno inoltre aderito all'iniziativa organizzata sui social nei giorni scorsi dall'amica Martina Fosterni, per raccogliere fondi e costruire un'aula in Benin intitolata a Gregorio Lampugnani, che era molto legato a don Gabriel, il parroco locale. E la generosità di tanti ha già permesso di sfiorare i 4mila euro, con il nuovo traguardo della sottoscrizione su Facebook fissato a 5mila.


Nel ricordo di Greg in campo martedì sera anche l'altra squadra della Virtus che sta affrontando il campionato di Prima divisione. E contro Eagles è arrivata anche la vittoria, sul parquet del PalaGuglieri, per 63 a 53 (13-22, 15-9, 19-12, 16-10). Finalmente un referto rosa per il team di coach Concina, che muove la classifica abbandonando definitivamente la scomoda casella “zero”. I ragazzi fanno vedere sul campo le loro capacità. Dopo il minuto di raccoglimento per Gregorio, i virtussini iniziano una partita difficile soprattutto sul piano difensivo, troppi errori, palle perse, svarioni in difesa. Nel secondo quarto ecco però la riscossa. Coach Concina sistema le maglie difensive e per i giovani Eagles andare a canestro diventa molto più difficile. La partita resta punto a punto fino alle battute finali, ma nonostante gli errori dalla lunetta, la Virtus porta a casa la prima vittoria della stagione. Martedì prossimo al via il girone di ritorno, con la trasferta al PalaBasletta contro il Nuovo Basket Vigevano. 

Riccardo Carena © Riproduzione riservata