Venerdì 28 Febbraio 2020

Albonese: coppia di pensionati “svegli” mette in fuga il finto tecnico dell’acqua

Il finto tecnico giovedì mattina ci ha provato due volte. Prima si è visto chiudere la porta in faccia, in via don Quaglino, intorno alle 9 e 30. Mezz’ora dopo, sempre travestito da addetto alla rilevazione dei contatori idrici, è riuscito a entrare nella casa di una coppia di anziani in via Grocco. Ha fatto notare che c’era un odore strano in casa. Probabilmente era stato lui stesso a spruzzare qualcosa. Subito dopo, basandosi soltanto sul fiuto, ha affermato che nella loro acqua del rubinetto c’era del mercurio. L’unico modo per salvare gli oggetti di valore era quello di metterli subito nel frigorifero.

Poi ai controlli approfonditi ci avrebbe pensato lui. Fortunatamente i due pensionati si sono ricordati dei tanti consigli dei carabinieri e dei tantissimi episodi di truffe accaduti di recente, e sono riusciti a cacciarlo via. 

La cosa che ha spaventato maggiormente il malvivente, un italiano di circa 35 anni, è stata la minaccia da parte dei coniugi di chiamare subito in Comune per chiedere chiarimenti. Mentre lui si dileguava, i due hanno telefonato davvero in municipio segnalando une Audi A3 di colore verde smeraldo. La targa dell’auto è stata identificata grazie al sistema di videosorveglianza comunale. La polizia locale ha poi inviato i dati ai carabinieri e ai comandi vicini. Forse il malvivente, nella sua fuga, ha lasciato tracce anche altrove o ci ha riprovato con altri anziani. 

“A tal proposito - aggiunge il sindaco Andrea Bazzano (nella foto) - segnalo che domenica 16 febbraio alle 10, presso la chiesa parrocchiale, ci sarà un incontro pubblico con i carabinieri di Mortara. Parleranno proprio dei comportamenti da adottare per prevenire truffe e altri reati”. 


Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata