Lunedì 23 Novembre 2020

Adl mostra i muscoli: 60 amministratori pubblici insieme per il futuro del terriorio

Pluralità: è questo il pilastro su cui poggia l’associazione Adl, Amministratori della Lomellina. Ed è partendo da questo valore che il presidente Michele Ratti guarda al futuro e alle priorità della terra delle risaie. E lo fa avendo le spalle coperte da 60 associati che rappresentano 30 comuni della Lomellina.

“Tra le priorità per il 2020 abbiamo il progetto di collaborazione con Acta per la discarica di cemento amianto, una collaborazione che confidiamo di realizzare entro giugno. - commenta Michele Ratti, sindaco di Nicorvo - Poi saremo attenti alla situazione della viabilità locale: daremo a breve alla Provincia le indicazioni dei vari amministratori in merito alle criticità della rete stradale”. Insomma, l’unione fa la forza. E per la prima volta la forza arriva da tutti quei piccoli Comuni che hanno deciso di “fare rete”. Ma non solo piccoli Comuni: anche il sindaco di Vigevano Andrea Sala ha strizzato l’occhio ad Adl e Mortara è rappresentata dalla vicepresidente della provincia Daniela Bio. Nell’incontro del 31 gennaio scorso, Adl ha invitato il presidente della Provincia Vittorio Poma che ha ascoltato la platea di sindaci e amministratori radunati al Teatro degli Agricoltori di Sant’Angelo. Dal 31 gennaio è ripartita con vigore l’azione amministrativa di Adl, che resta un’associazione sì politica ma apartitica, nell’interesse di un territorio che può “contare” qualcosa solo se resta unito e riesce ad operare in sinergia.

Il Nuovo Lomellino © Riproduzione riservata